ita
Cambia la lingua in English

Geologia del Piemonte

La configurazione geologica del Piemonte comprende una quasi completa sezione della Crosta Terrestre.

Infatti, essa si espande dalle rocce del profondo mantello litosferico al basalto oceanico, dalle rocce plutoniche e vulcaniche continentali alle rocce sedimentarie composte da carbonato di calcio e silicio.

Una delle caratteristiche orografiche del Piemonte sono le Langhe e il Monferrato come parte del sistema orogenico delle Alpi e degli Appennini.

Piemonte

La cornice geomorfologica del Piemonte rispecchia un complesso contesto geologico e tettonico, quasi unico per la sua ampia varietà di caratteristiche litologiche e strutturali. Questa complessità è dovuta al risultato di un continuo processo geodinamico che ha condotto alla formazione di due margini passivi continentali che hanno poi colliso tra loro: il Margine Paleo-Europeo e il Margine Paleo-Adriatico.

Questo spiega come il sistemo orogenico Alpi-Appennini è stato originato (incluse le colline delle Langhe e del Monferrato) coinvolgendo unità della crosta terrestre continentale e oceanica colpite da ridefinizioni metamorfiche e tettoniche.

Contemporaneamente, dalla metà dell’Eocene, si svilupparono alcuni bacini sedimentari, uno dei quali è il Bacino Terziario Piemontese – BTP dove abbiamo trovato la conchiglia del nostro logo. I sedimenti di questi bacini hanno registrato l’evoluzione tettonica del sistema orogenico Alpi-Appennini.

(Per saperne di più visitate la sezione Ratings, Press and Downloads a fondo pagina).

Langhe

La struttura geologica delle Langhe di Barolo e Barbaresco si è creata durante il periodo del Miocene, 15 milioni di anni fa, risultando in un terreno solido e compatto. Le colline delle Langhe sono costitute da roccia sedimentaria risalente alle epoche dell’Oligocene e del Miocene derivanti dalle collisioni delle Placche Europea ed Africana che, ritirandosi, depositarono un substrato di argilla, marne calcaree, marne argillose blu e gesso solforato.

Nella denominazione Barolo possiamo trovare due diverse ere geologiche che risultano nel suolo:
Elveziano (Serralunga d’Alba, Castiglione Falletto e Monforte) che esprime vini di grande struttura e longevità;
Tortoniano (La Morra, Verduno e Barolo) caratterizzato da vini di grande complessità aromatica e finezza.

Alta Langa

Alta Langa è il nome utilizzato per definire le colline della Langhe con i rilievi maggiori. Infatti, ciò che rende davvero speciale questo territorio è l’altitudine elevata capace di arrivare anche a 900 metri s.l.m.

Il terreno è ricco di marne, calcare ed argilla e il microclima è fresco in estate e decisamente rigido in inverno.

Questa combinazione di elementi da una parte diminuisce la fertilità dei vigneti e dall’altra aumenta e rafforza la complessità dei vini. Questi diventano la base perfetta per i Metodo Classico Alta Langa docg, capaci di esprimere il loro speciale carattere, evolvendo e migliorando, durante la lunga fermentazione in bottiglia.

Roero

Il Roero è caratterizzato da una geologia e morfologia differente dalle Langhe, contraddistinto da ripidi pendii rocciosi detti “Rocche”.
Il Roero è una regione più giovane, che si è formata durante il Pliocene dell’Era Terziaria, 5 milioni di anni fa, con un suolo estremamente ricco in fossili marini di ogni tipo.
Il terreno argilloso-gessoso della Langa tende a produrre vini con grande struttura, mentre i terreni soffici e sabbiosi del Roero sono perfetti per vini con ampio spettro aromatico e intrigante finezza.

Gavi (Alto Monferrato)

L’area del Gavi, la parte meridionale dell’Alto Monferrato, sale dalle rive del fiume Tanaro per finire negli Appennini e nella linea spartiacque tra Piemonte e Liguria. La perfetta combinazione delle brezze del Mar Ligure e la neve degli Appennini è ciò che rende così speciale quest’angolo di Piemonte.

Infatti, i rigidi inverni e le caldi e ventilate estati, aiutano le ripide colline marnose ricche di argilla e gesso, a creare la complessità del vino bianco di questa regione: il Gavi docg.

All’interno della zona vanno segnalati i terreni bianchi tipici dei vigneti presenti nel comune di Gavi, molto conosciuti per la personalità ben definita, l’impressionante freschezza e la grande complessità del vino che qui si produce e che viene denominato Gavi del comune di Gavi.